Domenica 21 Luglio 2019 - Scopri le ultime notizie »
 
01
MAR
2007

La rivincita del tango

La danza argentina torna di grande attualità anche a Nettuno




Simona Masillo e Simone Massari


Nato nella seconda metà del 1800 nei sobborghi di Buenos Aires, ballato da immigrati giunti dalla lontana Europa, il tango argentino oggi più che mai riesce ad affascinare un numero sempre maggiore di persone tanto da diventare l’ultima moda del momento. Il tango è un ballo totalmente libero, privo di coreografie predefinite estremamente elegante e sensuale. Mentre le altre danze si fondano su una figura di base da ripetere alternandola a qualche occasionale variante, il tango è del tutto privo di schemi ripetitivi, lasciando alla fantasia dei ballerini costruire come in un dialogo il proprio ballo. Per comprendere l’attuale successo di questo ballo, basti pensare che, secondo la classifica ufficiale dei dischi più venduti del 2006 stilata dalla Nielesen, “Lunatico” dei Gotan Project, quindi una compilation di tango, è il 14° disco internazionale più venduto nel 2006; un vero trionfo mondiale. Nella Capitale le scuole di tango sono stracolme, la rete pullula di siti internet riguardanti questo ballo e sempre più balere si convertono in “milonghe”, nome argentino per indicare una “tangheria” ovvero, di quel locale dove si balla esclusivamente il tango.
La febbre del tango non poteva non colpire anche il nostro litorale e, da alcuni anni è presente a Nettuno la scuola di tango argentino dei maestri Simone Massari e Simona Masillo, due professionisti del tango, che hanno però deciso di non fare dell’insegnamento di questo ballo una mera professione, la loro scuola infatti, è nata con il solo scopo di diffondere questa danza nel nostro territorio.
Attualmente i loro corsi si tengono presso l’università civica Andrea Sacchi di Nettuno e, stanno già volgendo al termine le lezioni per gli allievi di primo e secondo livello e, molti di loro, dopo solo pochi mesi di pratica, possono muovere i primi passi presso le milonghe. Il maestro Massari, organizza inoltre, sempre in modo del tutto gratuito, una “milonga” tutti i giovedì sera presso il ristorante “Dal Golosone” in Via Scipione Borghese sempre a Nettuno, raccogliendo oltre all’affluenza degli appassionati locali anche quella di molti tanghéri dell’hinterland dato che, la tangheria nettunese è l’unica nel nostro territorio.
Tutti i curiosi e gli appassionati di questa disciplina possono quindi visitare questa milonga del giovedì sera anche per rendersi conto di una realtà locale forse sconosciuta alla grande massa del pubblico ma che, sicuramente, rappresenta ora, un ulteriore vanto per la città di Nettuno.

Pierluigi Abbate